lunedì 18 giugno 2007

Gay Pride: alla gente comune non importa nulla.

Drag queen con le piume e gladiatori a dorso nudo, signori di mezza età mano nella mano e ragazze che esibiscono baci lesbo, trans brasiliani con cesti di frutti in testa, professionisti in giacca, diavoli, angeli, farfalle e figure di ogni tipo che inneggiano contro il vaticano.

C' è di tutto a Roma, al Gay Pride 2007, evento che alcuni giornali e telegiornali hanno voluto fare apparire come "normale" e come se tale sentimento fosse difeso dalla maggior parte della gente.
Riferendosi alla manifestazione così recitava il titolo di un famoso quotidiano nazionale "Il bel Paese"!!! Chissà cosa avrà visto di bello in quella manifestazione e per chi era bella Roma in quelle condizioni!!! Chissà di quale Paese parlava!! Sicuramente non era bello ne per me e ne (ritengo) per maggior parte della gente comune.

Ma vi sembra possibile che gli italiani non abbiano argomento più importante da discutere che di Gay Pride e di Luxuria? E' vergognoso e surreale l'eco che a questo squallido appuntamento hanno dato televisioni e autorevoli giornali "piazzando" la notizia addirittura in prima pagina. Sembra che il problema più importante degli italiani sia diventato all'improvviso se due persone dello stesso sesso possono stare insieme o no, come una questione seria, di vita e di morte!!! Sembra che l' Italia possa veramente permettersi il lusso di poter affrontare tali probemi, a mio parere assolutamente secondari, trascurando i veri problemi che stanno facendo deragliare quella vecchia locomotiva del nostro paese.
E' mai possibile che in un paese civile o presunto tale, non si faccia altro che parlare di Pacs, Dico, Coppie Gay, Diritti Gay etc.? Niente contro la manifestazione, che comunque non condivido. Ritengo che stia peggiorando di anno in anno, assumendo sempre più le sembianze di una carnevalata penosamente provocatoria e pervertita. Scandalosi gli slogan contro il Vaticano (forse a qualcuno non è chiaro che la dottrina ecclesiastica si basa su idee assolute non opinabili).

Quello che contesto è il forte eco che si è dato alla manifestazione dal punto di vista politico e mediatico.
Quaranta carri allegorici, cinquanta associazioni che hanno dato la loro adesione, il patrocinio del governo, dirette televisive etc.
Ma non vi sembra una presa in giro? Non vi sembra che si cerchi volontariamente di farci perdere di vista i veri problemi del Paese? Ma quando veramente i "nostri" politici, questa banda di scalmanati, cominceranno a parlare dei problemi reali della gente comune? Quando Pecoraro Scanio sarà fautore di manifestazioni per il problema rifiuti in Campania e per lo smaltimento di scorie abusive che ogni giorno la 'ndrangheta scarica nei mari di Calabria? Quando i sindacati bloccheranno il paese per la questione delle morti sul lavoro? Quando si affronterà il problema del precariato per i giovani che vogliono permettersi il lusso di crearsi una famiglia "normale"? E quando si metterà sulle prime pagine di tutti i giornali che gli stipendi che percepiscono i nostri carissimi politici sono i più alti del mondo? E della gente che non arriva più a fine mese, quando se ne parla? E del problema immigrazione? La gente non ne può più degli appelli di Pecoraro Scanio, di Boselli che non sa fare altro che pungolare il governo sulla questione degli omosessuali e di Grillini che definisce gli omosessuali i " partigiani della liberta". Volevo ricordare che a fine mese non si ci arriva parlando di Gay Pride, né ascoltando qualche bella parolina sugli extracomunitari, né partecipando con tre membri del governo alla manifestazione di Roma!!!

Vorrei concludere dicendo che a me, come alla maggior parte della popolazione italiana (elettrìci, elettori, cittadini e contribuenti del canone RAI), non importa assolutamente nulla di come si svolgano manifestazioni di questa risma. Sono altresì convinto che la politica ed i media, anziché indugiare su questi penosi carnevali e sui falsi problemi, dovrebbero assecondare le questioni che interessano drammaticamente la gran parte della persone. La stragrande maggioranza delle persone si sente tradita in quanto vede i dibattiti sul futuro del Paese orientati verso i capricci di una minoranza, tendenti alla presunzione di rappresentare la normalità.

Nelle foto: alcune delle immagini della manifestazione ritenuta un esempio di normalità, due dei ministri presenti alla manifestazione, immagine della tragedia di Campello sul Clitunno (costato la vita di quattro onesti lavoratori), ambiente di lavoro per il "futuro radioso dei giovani".

32 commenti:

Anonimo ha detto...

Per fortuna che nel "Bel Paese" esiste la possibilità di manifestare liberamente! E' uno dei diritti più importanti in un paese che si ritiene democratico.La manifestazione non sarà "NORMALE" x te,come per altri invece lo è.Ai tempi d'oggi la definizione del "normale" cambia e ciò che ieri non lo era oggi lo è. Non ti stupire che un giornale mette in prima pagina una manifestazione del genere in quanto qualche settimana fà hanno messo il "family day" nelle prime pagine di tutti i giornali del paese e allora fu giusto così.I giornali parlano di ciò che è successo il giorno prima e si vede che questa manifestazione è stata di gran importanza in quanto sia giornali di sinistra e di destra gli hanno dedicato molto spazio. Saluti,Sara

Francesco Candeliere ha detto...

x Sara: Ciao sara e benvenuta nel mio blog..Intanto comincio col dirti che nonostante ritengo quella manifestazione provocatoria e penosa non ho nulla contro il diritto di manifestare e contro la manifestazione in sè.Quello che contesto è l'eco mediatico e politico che gli è stato dato.Scusa, ma per me meriterebbero attenzione i veri problemi della maggior parte delle persone(è inutile che ti rifaccio l'elenco).Ma davvero sei convinta che i Pacs,i Dico,i Matrimoni Gay siano il problema più importante che ha in questo momento il nostro Paese?Quanto al paragone col "family day" mi sembra un pò fuori luogo...Il "family day"come manifestazione in sè mi è sembrata meno perversa e provocatoria,nonostante per alcune cose non l'ho condivisa. La cosa che fa pensare è invece che, dopo quella manifestazione, non si parla più di "FAMIGLIA NORMALE"!!!A presto.

piesal ha detto...

X Sara. Mi stupisce il fatto che gente come te non capisca che il fatto che destra e sinistra mettano in prima pagina le carnevalate degli ultimi sabati, sia quella degli ayatollah cattolici che quella dei deviati (liberi di esserlo ma è anormale e contro natura), costituisca il concreto tentativo della politica autoreferenziale italiana di autoconservarsi.

Non capisci che il vero obbiettivo di questi temi è quello di determinare l'anestesia dell'informazione e delle coscienze? Ma ci fai caso che si parla solo di cretinate, di vallettopoli, dei gelati in parlamento e dei diritti di chi già li ha pur di non parlare di cose necessarie? Lo capisci che in questi non-problemi traspare l'incapacità di centro-destra e centro-sinistra (roma-polo e roma-ulivo) di esprimere politiche vere? Quando la smetterete di cascarci come delle allodole???

Francesco Candeliere ha detto...

x piersal:Grazie per l'ottimo assist.Vedi,commenti come quelli di Sara sono la dimostrazione di quanto la politica e l'informazione facciano centro nel loro intento:quello di confondere le idee della gente scaturendo isterie di ogni genere!!! Grazie di essere passato

Fabio ha detto...

Bene bene bene, gay pride... un argomento di cui nemmeno ho voluto parlare in Banca dei Favori per non dare maggior risalto a questa pagliacciata... Sono a favore di Pacs, DICO e compagnia bella, non ho nulla contro amori omosessuali MA con ritegno e buon gusto altrimenti si cade (come accade nel ridicolo gay pride) nel volgare e si diventa delle macchiette, non delle persone a cui portar rispetto! Si, anch'io ritengo assurdo che i media ne parlino così tanto, per questo non ho voluto dar risalto alla notizia, che non dovrebbe avere nemmeno la decima pagina di un quotidiano... Aspetto un tuo post in BdF... Un salutone.

Francesco Candeliere ha detto...

X Fabio:Fabio grazie di essere passato,come al solito ti dimostri saggio e concreto.In realtà più che parlare di quella pagliacciata di manifestazione, ho voluto ribadire il fatto che il nostro paese è pieno di tanti altri problemi per permettersi di pensare a "robe" del genere, facendo il gioco dei nostri politici che come al solito mirano al depistaggio dai veri mali della nostra società.A presto

posturanismo ha detto...

Perdonami ma dovresti aggiornare il tuo database. L’omosessualità e affini, non è considerata più una PERVERSIONE dagli anni ‘60. Continuare a dire una cosa del genere è da persone disinformate. La notizia è stata piazzata in prima pagina perchè è stata di grande rilievo. Preferisci sia dato solo credito al Family Day? Siamo ancora un paese sommariamente libero. Ricordati: i diritti delle persone non sono mai SECONDI O TERZI a nessun altro bisogno del Paese. Spero di non essermi espresso in termini troppo complessi per la tua portata.

PS: deviati sarete voi e chi non ha saputo educarvi al rispetto reciproco ed all'educazione. Parlate tanto di "progetto incretinimento dei media"...avete ragione, siete le vittime di questo progetto. Tanti auguri.
Caro Francesco, non ho voluto censurare il tuo commento sul mio blog solo perchè credo nella libertà di espressione, ma lasciami dire che i vostri commenti sono davvero penosi, pieni di pregiudizi e da persone ignoranti. Ignorate cosa sia l'omosessualità ed ignorate come nasce il Gay Pride. Se avete voglia di INFORMARVI una buona volta e di parlare sul SAPERE, fate un salto sul mio blog.
ps: SARA SONO CON TE!!!!!

Antonio Candeliere ha detto...

x Francesco:La cosa che contesto non è la manifestazione in sé. Ognuno è libero di manifestare, come giustamente faceva notare Sara, che non ha capito il tuo concetto ed hai fatto bene a ribadirlo al fine di evitare equivoci. La cosa più scandalosa è il fatto che la politica italiana ne prenda parte, invece di trovare una soluzione alle questioni irrisolte di un paese che non riesce ad andare avanti.
E’ giusto eliminare le discriminazioni che negano i diritti della persona, e quelli di tante persone che oggi danno vita ad unioni di fatto. Ma la legge assicura già la protezione di molti diritti ai conviventi. Per ulteriori correttivi alla legislazione vigente non c’è bisogno di fare una “carnevalata” cosi come viene definita anche da tanti gay che conosco, ma attraverso modifiche al codice civile si possono migliorare le condizioni di chiunque.Quindi non c’è motivo di precostituire un modello che rappresenterebbe qualcosa di uguale ad un matrimonio dove ai diritti non corrisponderebbero tanti doveri caro Posturanismo!

camelot destra ideale ha detto...

Sono assolutamente d'accordo: le priorità sono altre...e rispetto a quelle c'è un tristissimo silenzio: da parte della politica e degli organi d'informazione..

roberto ha detto...

Se avevano una sola possibilità di approvare i dico, con il gaypride di roma se la sono giocata!
Famiglie quelle li? Che continuino a fare il trenino e non parliamone più. W il Papa W la famiglia

ciao e grazie x la visita :)

Francesco Candeliere ha detto...

X posturanismo:Benvenuto nel mio blog.La prossima volta magari,fai dei commenti meno complessi altrimenti,io che sicuramente non sono al tuo livello,potrei non capire bene!!!!Per quello scarso livello che ho posso apprendere, da quanto hai scritto, che non hai copito proprio nulla del mio post!!Infatti io non ho espresso nemmeno una parola contro alla libertà di manifestare e contro gli omosessuali.Quello che volevo ribadire è che 1)La politica dovrebbe dare più importanza a certi problemi e non far finta di nulla 2)La manifestazione che tu e qualche politico (che non potrebbe fare altro che "pascolare pecore"),avete definito un successone,è stata solo una grandissima carnevalata ricca di esagerazioni e perversione e questa evidenza non la puoi negare.Ma a quanto pare per quelli come te criticare il Gay Pride significa essere fascisti incalliti,reazionari,omofobi e ignoranti!!! Fino a quando c'è gente che vuole difendere, così come fai tu, i propri diritti,senza pensare che come cittadini abbiamo anche dei doveri morali,la società sarà sempre più marcia e andrà sempre verso una irreversibile decadenza dei costumi!!! a presto

POSTURANISMO ha detto...

1) La politica dovrebbe dare più importanza a certi problemi e non far finta di nulla

QUI SIAMO D’ACCORDO.

2) 2)La manifestazione che tu e qualche politico (che non potrebbe fare altro che “pascolare pecore”),avete definito un successone,è stata solo una grandissima carnevalata ricca di esagerazioni e perversione e questa evidenza non la puoi negare.

SI VEDE CHE NON SEI MAI STATO AD UN GAY PRIDE.VACCI SE VUOI SVILUPPARE UN SERIO SPIRITO CRITICO.

3)Fino a quando c’è gente che vuole difendere, così come fai tu, i propri diritti,senza pensare che come cittadini abbiamo anche dei doveri morali,la società sarà sempre più marcia e andrà sempre verso una irreversibile decadenza dei costumi!!! a presto

GUARDA CHE LA DECADENZA DI QUESTA NAZIONE E’ PROPRIO NEGARE DEI DIRITTI SEMPLICI A DELLE PERSONE! E’ QUESTA LA QUESTIONE MORALE DI CUI TI FAI PORTAVOCE MA DI CUI SAI BEN POCO. I TUOI DISCORSI SONO IDEOLOGICI E ASSOLUTAMENTE PRIVI DI CONOSCENZA SUL CONCETTO DEL “DIRITTO” E TANTOMENO DELLA STORIA DELL’OMOSESSUALITA’ E TUTTO IL RESTO.
MI SONO SFORZATO DI RISPONDERTI PER FARTI CAPIRE MA MI RENDO CONTO CHE RESTARE SULLE PROPRIE POSIZIONI FA MOLTO COMODO SOPRATTUTTO A CHI NON VUOLE GUARDARE LA REALTA’ E METTE I DIRITTI DEI CITTADINI AL SECONDO POSTO POICHE’ CI SONO I PROBLEMI DEI CITTADINI DI “SERIE A” DA DIFENDERE.
QUESTO E’ ESSERE FASCISTI.

IN MERITO A W IL PAPA, W LA FAMIGLIA....MI RENDO CONTO CHE QUI DENTRO, SPENDERE UNA PAROLA DI TROPPO PER FARVI CAPIRE, E' ANCHE TROPPO. PARLI DI AMICI GAY CHE DEFINISCONO IL PRIDE UNA CARNEVALATA. BEH CI SONO UN SACCO DI GAY CHE HANNO PENA DI SE' STESSI E DI CONSEGUENZA ATTIRANO LA PENA ALTRUI...CRITICANO LA CARNEVALATA E LORO NON METTONO MAI PIEDE PER DIMOSTRARE CHE ESISTONO GAY DIVERSI DA QUEGLI APPARISCENTI. MOLTO FACILE CRITICARE E NON METTERCI LE PALLE. IO PER ESEMPIO HO MOLTO PIU' RISPETTO PER CHI LOTTA E NON PER CHI RESTA A CASA.

piesal ha detto...

xFrancesco. Sai, da come ho capito ora dovrò cominciare ad andare in giro con gli ananas e la bieta in testa per essere una persona intelligente ed evoluta. L'intervento di posturanismo, mi ha fatto fare dei grandi passi in avanti e devo dire che d'ora innanzi si dovranno fare i master alla sfilata del carnevale a Viareggio. Nella città toscana almeno non si prendono sul serio, mentre oggi bisogna guardare al gaypride con deferenza religiosa.
L'altro grande pregio di quell'intervento posturanistico consiste nell'avermi rimandato ad una delle scene più belle di un magnifico film di Luciano Salce.

Francesco Candeliere ha detto...

X Antonio:Hai afferato molto bene quello che ho voluto esprimere nel mio post.Come avrai ben capito non ho voluto fare nessuna invettiva contro gli omosessuali e il loro diritto di manifestare.Infatti ho cercato di spiegare che la nostra informazione dimentica spesso le cose più importani dando spazio a queste carnevalate.Tu stesso in un tuo bellissimo post,sul tuo blog,avevi denunciato la drammatica situazione della nostra informazione,quindi sai meglio di me certe cose.Ma come dissi tu in quel post,"per fortuna c'è la rete" che ci permette di dire le nostre verità!!!grazie di essere passato,a presto.

Francesco Candeliere ha detto...

X Camelot:"Tristissimo silenzio".Ottimo termine!!! E quando fai notare che è così sei chiamato reazionario,fascista incallito,omofobo etc.Questa è la nuova dittatura in cui oggi viviamo!!!!A presto Camelot.

Francesco Candeliere ha detto...

X Roberto:Benvenuto nel mio blog!
Troppo vigliacco questo governo per approvare i dico,che comunque non condivido affatto.Comunque di famiglia ne esiste una sola e quella non si tocca!!!!!bravo!

Francesco Candeliere ha detto...

X posturanismo:1)Intanto gia aver trovato un punto in comune non è da poco.A quanto pare la politica di questi periodi fa cose sbagliate per tutti.
2)Preferisco sviluppare il mio spirito critico in tutt'altre situazioni ma non in un Gay Pride.
3)Se hai osservato le immagini del mio post ho riportato la foto di un noto episodio avvenuto in Umbria in cui hanno perso la vita quattro onesti lavoratori.Si,per me la sicurezza sul lavoro è un problema di serie "A".Mi dispiace dirtelo,ma viene prima dei dico,dei,pacs,dei matrimoni omosessuali etc.Qui è lo scandalo:queste notizie vengono messi in piccoli trafiletti,mai in prima pagina.E ne potrei fare un elenco di altri problemi, a parer mio e della maggior parte degli italiani,più importanti.
Carissimo posturanismo questa è la realtà non è difendere le proprie ideologie come tu vuoi far capire chiamandomi fascista.Un parlamento,in un paese serio deve guardare prima ai problemi della maggioranza e poi semmai,ai problemi delle minoranze,chiaramente senza discriminarle.....

Francesco Candeliere ha detto...

X piesal:Che dire!!A volte la normalità si perde Così tanto di vista fino a considerare una manifestazione di quel genere "normale".Vedrò di comprare anche io dei cesti di frutta da mettere in testa così,da domani in poi,apparirò più normale alla gente.Non conosco il film da te citato ma ti assicuro che vedrò presto di che si tratta.A PRESTO

posturanismo ha detto...

Quanta stupidità. Avete ragione.

Francesco Candeliere ha detto...

x posturanismo:Capisco che per te tutto quello che non corrisponde al tuo pensiero è stupido.Bene così!!comunque ognuno ha le sue idee e se non "nuoce" a nessuno è giustissimo che le esprima liberamente e "intelligentemente".Questo per ribadire che non condivido tante cose e tanti comportamenti "vostri",ma non ho assolutamente nulla contro gli omosessuali!!Grazie, a presto.

roberto ha detto...

Chiaro: anch'io non ho nulla contro gli omosessuali, ma ce l'ho con gli anticlericali!
Quelli in piazza hanno lanciato attacchi vergognosi contro il papa e la chiesa: rivendicare i diritti non si fa in quel modo!
Quella piazza era oscena, a prescindere dalla sessualità dei partecipanti


ribadisco (mia opinione ovviamente)
W IL PAPA


ps: francesco, ti ho linkato
ciao

Francesco Candeliere ha detto...

x Roberto:Come al solito sei molto preciso e chiaro.Vediamo molte cose allo stesso modo.Ho cercato di spiegare con ogni parola quello che tu hai detto,ma a quanto pare non è servito anzi sono stato definito, oltre che fascista,anche stupido.Bene così!!!Grazie di avermi linkato provvederò pure io a farlo presto,se sei d'accordo.Alla prossima!!!!!

zefirina ha detto...

di famiglia ne esiste più di una, mi spiace per voi, ma dovete aggiornarvi e le cosidette famiglie normali nascondano anormalità peggiori di quelle considerate di serie B, per quanto riguarda il gay pride non mi pare che gli è stato dato tutto il risalto di cui parlate e comunque per fortuna alla sfilata c'erano anche una marea di eterosessuali come me, e vi dirò di più ..una provacazione... proprio perchè ho ben strutturata la mia identità sessuale io non mi sento affatto minacciata da una sfilata simile,mi sento più minacciata da persone piene di pregiudizi e per le quali esistono verità assolute: LE LORO.

Francesco Candeliere ha detto...

X Zefirina:Sono punti di vista.Per te esistono più tipi di famiglia per me e per la Costituzione Italiana(Art. 29)ne esiste una sola,quella naturale.Hai ragione comunque quando affermi che le anormalità sono tante anche in quest'ultima che io non ho definito assolutamente un nucleo perfetto.Quanto al Gay Pride non mi sento assolutamente minacciato anzi.....Mi sento minacciato più dalle fandonie che ci racconta ogni giorno la nostra libera informazione(es. gay pride,vallettopoli,gelati in parlamento etc)depistandoci dai veri problemi che per me sono altri e comunque non i matrimoni omosessuali.E mi sento ancora di più minacciato quando c'é gente che accetta tutto ciò senza accorgersi di nulla.E mi sento minacciato anche di quella pericolosa strada che la nostra società ha imboccato,credo irrevrsibilmente, che io definisco "la normalizzazione dell'anormale".Grazie di essere passata Zefirina e benvenuta nel mio blog.

edgar ha detto...

La finite di dire: "aggiornatevi".
Basta! Non si è d'accordo al Gay pride non all'amore in senso lato!

Si potrebbe pensare che chi usi il termine "aggiornamento" sia invece caduto nella trappola del "trasbordo" del limite e non mi si strumentalizzi il termine "limite" come appunto, un muretto da abbattere... vabbè siamo in rete e parlare così può risultare non molto esplicativo. Pazienza.
Ciao Francesco e ciao a tutti, aggiornati e non aggiornati.

Francesco Candeliere ha detto...

Grazie della puntualizzazione Edgar.Come sempre ti dimostri molto intelligente..Infatti, il punto é che io sono contrario al Gay Pride.Non condivido né la manifestazione in sé ma non condivido nemmeno il tanto rumore che viene fatto per farla apparire limpida,pura e casta mentre "i partigiani della libertà" esprimevano in maniera perversa e provocatoria i loro diritti.Non ti sembra che il Gay Pride sia una vera e propria offesa per gli stessi omosessuali?

edgar ha detto...

Grazie mille Francesco per il complimento, te lo giro nuovamente per il tuo blog.
Per quanto riguarda il Gay pride che sia un'offesa per gli stessi omossessuali... credo di sì. Non frequento omosessuali, avrei voluto sentirli in merio, ma credo che la spettacolarizzazione di scene provocatrici, abbiano un ritorno negativo sugli stessi gay.
Se manifestassero con cartelloni, incatenamenti sui binari, ecc. per gridare il loro disagio, allora sarebbe secondo me, più saggio da parte loro e porterebbero a casa più consensi.
Comunque poi c'è anche l'aspetto religioso di ogni singolo individuo o comunità che deve/devono considerare il tutto attraverso il filtro della spiritualità. Difficile ma non impossibile.
Ciao.

Francesco Candeliere ha detto...

X Edgar:Certo ci sono mille modi per dire alla gente che i propri diritti sono sacrosanti.Poi fare i conti con l'aspetto spirituale non é sicuramente facile.In ogni caso basta non perdere di vista la parola rispetto per chi la pensa diversamente rispetto alle proprie idee.Grazie dei complimenti

sergiokar ha detto...

L'Italia ha tantissimi grossi problemi che vengono nascosti sparando in prima pagina la nuova prova contro la Franzoni e la nuova trovata pubblicitaria di Corona! Fai bene a ricordarli e a sottolineare la scarsa informazione in merito e l'assente interesse da parte dei politici. Lo stesso Pecoraro Scanio, il Verde Pecoraro Scanio, ha dato il via libera alla costruzione di 4 inceneritori-distruggi-ambiente in Sicilia, mentre è in prima fila nella questione omosessuale!Diversamente da te però io non credo che quest'ultima sia una cosa secondaria. I matrimoni gay (non condivido invece i dico) sarebbero semplicemente il riconoscimento di diritti fondamentali ad una minoranza di nostri concittadini. Uno dei compiti più importanti della politica deve essere secondo me proprio quello di difendere le minoranze, poichè le maggioranze sono già capaci di difendersi da se! Credo che il tuo intervento nasca dal fatto che non riconosci la legittimità delle unioni omosessuali e non che ritieni il problema meno importante di altri (Correggimi se sbaglio)! Da etrosessuale ti dico: estendiamo i diritti, accogliamo le diversità, aiutiamo le minoranze, integriamo le culture e sarà meglio per tutti noi e per i nostri figli, cui avremo lasciato in eredità una società più giusta e vivibile di quella in cui siamo nati noi.

Francesco Candeliere ha detto...

X SERGIOKAR:Benvenuto nel mio blog.Intanto mi fa piacere essere d'accordo con te sul nodo centrale del mio post:la politica fa di tutto per depistarci dai problemi concreti e reali del paese!Per quanto riguarda i matrimoni omosessuali, certo che non li ritengo legittimi ma,in tutta sincerità,se fossi un politico gli darei meno spazio di altri problemi che affliggono il nostro paese.Certo,come dici tu,un paese civile deve assolutamente tutelare le minoranze e individuarne i problemi e su questo mi trovi assolutamente d'accordo.In questo caso specifico avrei preferito altri modi di esporre la difesa del diritto all'omosessulità(come faceva notare Edgar in un commento precedente).Mi consola il fatto che tutti siamo alla ricerca di una società più giusta e più serena di quella in cui viviamo e in questo senso quello che dici tu(estendiamo i diritti,difendiamo le minoranze etc. potrebbe essere un buon punto di partenza).Grazie di essere passato e di aver fatto un commento intelligente e leale.

Anonimo ha detto...

imparato molto

Anonimo ha detto...

La ringrazio per Blog intiresny