venerdì 28 settembre 2007

Grillo: Politica o antipolitica?

L'otto settembre del 2007 se certamente non resterà nella storia come evento che ha cambiato i nostri giorni, certamente un segno nel cuore del notro paese l'ha lasciato.
Il giorno c.d. V-Day, organizzato magistralmente dal Signor Grillo, se non ha provocato scompensi dal punto di vista politico, ha sicuramente dimostrato che basta poco per buttare giù questa classe politica sempre più marcia, che fra condannati e corrotti c'ha poco di salvabile.

Mastella si ostina a sostenere che l'indulto è stato una cosa giusta (e nel suo blog creato ad hoc ogni giorno risponde ai post di Grillo); la sinistra radicale ostacola la finanziaria inscenando teatrini con lo stesso Mastella ogni giorno; le finte primarie del partito democratico vanno avanti sempre peggio.
Dall'altra parte abbiamo un'opposizione che dopo cinque anni fallimentari non sa fare neanche l'opposizione, sempre più alle prese con le titubanze e le manie di centro di Fini, le isterie di Casini e le urla di Berlusconi (che anche se gli chiedi che ore sono parla di elezioni!!).

Dunque, cerchiamo di capirci bene e di fare capire a tutti che la vera anti-politica sta nel nostro Parlamento e negli abusi che ogni giorno si compiono in esso, contro il volere della maggior parte dei cittadini. Il vero merito di Grillo è quello di predicare gli scempi della politica.

Carissimi lettori, la reazione più sconsiderata e raccapricciante a Grillo non l'hanno avuta i politici ma i giornali e alcuni giornalisti.
Fa senso sentire commenti come quelli di Eugenio Scalfari che azzarda un pessimo paragone del "movimento" di Grillo con l'avvento del fascismo o dell'attuale direttore del Tg2 che parla della possibilità di ritorno agli anni di piombo.
Certo, capisco che i giornali e i telegiornali sono figli diretti della classe politica ma non immaginavo fino a questo punto. Perché c'é questa tendenza a nascondere tutti i privilegi della politica?
Il vuoto e la corruzione della nostra classe politica non avrebbe dovuto denunciarla un comico come Grillo ma i nostri giornali e i mezzi di comunicazione più importanti.

Riflettiamo se c'è antipolitica in queste dichiarazioni di Grillo:

"Dobbiamo portare la politica verso i cittadini, la politica dobbiamo farla noi tutti i giorni"

"Giuliano Amato dov’era quando sono usciti dal carcere per l’indulto 26.210 pregiudicati ?"

"Ve lo immaginate Brown in Inghilterra che parla con Mister Bean ?"(riferito a Mastella e al suo blog).
"E' lo Stato che è diventato la mafia. La politica è stata corrotta dall’interno"(in risposta ad alcuni ragazzi calabresi presenti al V-Day)

Altro che antipolitica, questa è politica vera e la cosa che mi rode di più è che a farla è un comico.
Non sono assolutamente tra quelli che sostengono un'entrata in politica di Grillo, facciamo il paese serio!!!
Mi mi fa ridere quando si dice che Grillo deve portare proposte concrete per il paese e non solo parlare.
E quei 945 parlamentari superpagati e pieni di privilegi che ci stanno fare?
Ma se Grillo è " l'antipolitica" perché deve fare proposte per il paese?

Grillo serve a farci capire che nel nostro piccolo tutti dobbiamo attuare una sorte di rivoluzione contro questo sistema e contro questa classe politica non credendo alle loro finte quotidiane e serve a far capire che è tutto da rifare.
Come dice Giovanni Sartori, ci deve essere "l'azzeramento totale" se vogliamo veramente appartenere a quel gruppo di paesi democratici che la democrazia la applicano ogni giorno al servizio dei cittadini e dei loro bisogni.
Dobbiamo ribadire all'infinito che oggi l'antipolitica sta in Parlamento e non in quella splendida piazza di Bologna e nelle tante altre piazze d'Italia nelle quali, con metodi assolutamente pacifici, si è detto e si continua a dire un grosso no a questa politica.

Nei video: Svalutation di Adriano Celentano(1976) e Grillo in azione il giorno del V-Day
Nelle foto due emblemi dell'attuale classe politica.

44 commenti:

Marco Cavicchioli ha detto...

"Ve lo immaginate Brown in Inghilterra che parla con Mister Bean ?": difficile sostenere che questa sia davvero un'"idea politica" e non solamente una trovata comica (che in effetti fa ridere). ciononostante la dimensione delle affermazioni di Grillo è una dimensione politica. oramai. ora sarebbe lecito domandarsi: se la posto di Prodi ci fosse Grillo l'Italia starebbe meglio.io ne dubito fortemente.

Anonimo ha detto...

Caro Francesco, che i nostri mille parlamentari facciano o no una politica seria ci deve importare poco. Per quello che contano... Cerchiamo di farla noi, ognuno di noi, tutti i giorni, la politica seria con l'onestà e la dignità del nostro comportamento. E' da questo e non dai politici che dipende l'avvenire vero e positivo del nostro paese. Se sei d'accordo scrivilo anche tu nel tuo bel blog. Grazie e ciao.
Xavier

Francesco Candeliere ha detto...

X anonimo(Xavier)
Concordo pienamente Xavier,la cosa che conta di più è il nostro comportamento,quello di tutti i gorni.Chiaramente non capisco perché ci deve mancare una guida,che secondo me è fondamentale per un paese.Certo quello che affermi(che non importa il comportamento dei nostri parlamentari)è giusto ma preoccupante perchè denota il distacco dei giovani dalla politica.

Francesco Candeliere ha detto...

Ciao Marco e benvenuto nel mio blog.Certo io non sono tra i sostenitori di Grillo in politica e sicuramente la battuta su Mastella non è un idea politica.
Non accuso Prodi ma accuso l'intera classe politica.Sarebbe il colmo pensare a Grillo al posto di Prodi.
Vedrei meglio Prodi al posto di Grillo,almeno oltre a far ridere parlerebbe di più alla gente comune.
La politica dovrebbe parlare alla gente e soddisfare i bisogni del paese non inscenare teatrini quotidiani di cui le vittime sono sempre i cittadini.In questo tragico scenario è normale che trovano spazio fenomeni come quello di Grillo!!!!

edgar ha detto...

Bellissimo post Francesco... bellissimo.

Antigrillo ha detto...

Grillo sarebbe molto meglio di Prodi. Pure tu saresti meglio di Prodi!

Francesco Candeliere ha detto...

X Edgar:Grazie dei complimenti Edgar.
Mi fa piacere che hai apprezzato questo post e spero che tutti insieme, in rete, ribadiremo sempre che la vera anti-politica sta in Parlamento e non nelle idee di migliaia di giovani stanchi di corruzione e falsità.

Francesco Candeliere ha detto...

X Antigrillo:Io meglio di Prodi?Proponetemi come candidato leader alle prox elezioni!
Scherzo! il fatto è che, aldilà delle nostre considerazioni su Grillo, dobbiamo diffondere a squarciagola l'idea che serve l'azzeramento totale della politica se veramente vogliamo ripartire seriamente ed applicare la democrazia ogni giorno.

edgar ha detto...

Reset! ;)

Francesco Candeliere ha detto...

Vedi Edgar,la cosa su cui sto facendo fatica è tocliermi l'etichetta politica che ho e criticare anche i leader politici che un tempo oltre ad aver votato,difendevo con accanimento.
Ma avendo scoperto che sono come l'altra parte politica a me opposta(corrotti),è la cosa che mi da più soddisfazione.
Avere questa "libertà" mi fa stare meglio per il momento.Certo,spero che, sempre dando per scontato che "l'azzeramento è d'obbligo,un giorno avremo delle istituzioni più pulite.La strada da fare è tanta............

Equo ha detto...

Credo (molto modestamente: di profeti questo Paese ne ha già troppi) che il vero problema sia che i limiti della "Democrazia delegata" stanno venendo tutti a galla. Il "popolo" si esprime ogni 5 anni... poi non ha più nessun controllo su chi emana le leggi ed opera scelte fondamentali. Noi possiamo anche scendere in piazza contro la guerra, ma se il Parlamento vota di mandare truppe queste partiranno. L'azzeramento, forse, deve partire non tanto da un cambio di persone, perché si troverebbero comunque in un ingranaggio che le macinerebbe. Occorre "ripensare" una forma di Democrazia Diretta e in questo senso le possibilità della Rete aprono spazi interessanti per quella che (scherzosamente) ho battezzato "Panarchia", ovvero una partecipazione e, nello stesso tempo, un controllo di vasti strati della popolazione sull'operato dei legislatori. Grillo ha dato uno scossone, ora sarebbe tempo di indicare strade...

piesal ha detto...

Il problema non risiede nella politica ma nell'italiano medio, mediocre ed inutile, perfettamente rappresentato dalla classe politica meglio pagata e meno capace d'Europa.

La politica ha distrutto, con la complicità beota dei nostri concittadini, i principali strumenti di democrazia diretta, referendum in primis, con l'invito sistematico e distruttivo rivolto ai cittadini, dalla parte contraria al referendum stesso, ad andare al mare. Tanti imbecilli poi, scottati dal sole di giugno, si sono vantati di non aver perso tempo alle urne.....

Grillo ha ragione ma ha sbagliato obbiettivo, non considerando che in Italia è da tanto che i golpe non si fanno.

Il problema risiede invece nell'indole egoista e mediocre dell'italiano medio, che da il voto ai nostri pagatissimi "non politici" pur di dare un posto di lavoro prestigioso al proprio figliolo cretino, ponendo anche le basi al perpetuarsi della storica inefficienza della macchina statale.

Il suffragio universale è una bella conquista, della quale abusano però molte persone prive di cultura, senso civico e dignità.

Rendendo così inesorabile il declino rovinoso verso il quale il nostro Paese si è avviato. Milioni di giovani, oggi privi di lavoro o con stipendi che in Italia venivano percepiti nel 1985, sono oggi tranquilli perché protetti economicamente e socialmente dai loro genitori.

Ma....il cambio generazionale è purtroppo alle porte. Quando si sarà esaurito il ciclo delle pensioni opulente e dei vecchi parametri contrattuali nel mondo del lavoro, gli attuali ventenni e trentenni saranno sotto la soglia della povertà.

Allora, di certo, qualcosa di straordinario avverrà anche nel nostro stupendo e nobile Paese.

Francesco Candeliere ha detto...

Che nella nostra democrazia manchino strumenti veri di democrazia diretta,oltre al referendum, questo è innegabile.Ma sono convinto che anche il parlamentarismo così esasperato sia un danno altrettanto grande per il paese.La c.d.navetta parlamentare è l'emblema di quanto sia contorto e macchinoso il nostro sistema parlamentare.Certo dopo una dittatura ci poteva stare un sistema parlamentare del genere ma oggi credo sia arrivato il momento di cambiarlo.Concordo sull'importanza della rete,lo strumento più forte e libero che abbiamo di partecipare anche noi,comuni mortali, alla politica.Grillo ne è l'esempio!!
Benvenuto nel mio blog Equo.

Francesco Candeliere ha detto...

X Piesal:Concordo pienamente con te.Hai aggiunto assolutamente quello che mancava al mio post,completandolo.La fonte dei mali è nel cittadino medio sempre meno sensibile alla vita politica del paese e nello stesso tempo passivo ma terribilmente attivo nel fare il gioco dei nostri "non politici".Se la politica si permette certi scempi è perchè ha come complice il popolo.D'altra parte niente di più vero di:"ogni popolo ha il governo che si merita".
Bentornato Piesal

Anonimo ha detto...

Non ci resta che piangere? Aspettare una rivoluzione ad opera della prossima generazione?
Spero di vederla prima ed i "grillini" potrebbero incominciare - ora -, l'unica cosa che trovo incomprensibile è l'immobilità degli studenti universitari. Saranno anche loro vittime narcotizzate di una generazione di professori sessantottini?
Quel fantomatico movimento, tanto citato, che voleva posti fissi, amore e "fumo" gratis ed ora, finalmente al potere dimostrano i limiti dei loro ideali.

by Mat

Francesco Candeliere ha detto...

X Mat:benvenuto nel mio blog.Concordo assolutamente con te sull'immobilità assurda degli studenti universitari.
Vedi è tristissimo vedere giovani universitari parlare solo di reality e robe simili mentre i governi maciullano la società quindi anche il sistema universitariO.Non so se hai letto il commento di Piesal a questo post.A mio parere in quell'italiano medio, da lui citato, abbiamo la maggior parte degli studenti universitari di oggi.Quanto all'"azzeramento" di cui sono sostenitore,spero che i grillini siano il punto di partenza e non un punto d'arrivo,soffocato dagli orribili tentacoli della politica.

Anonimo ha detto...

I cittadini medi e i piccoli borghesi sono la trama portante della società (maggioranza silenziosa). Essi sono i custodi della tradizione e anche della civiltà, sono le formiche che conservano e ricostruiscono. Non è giusto farne un esempio negativo.
Forse la loro colpa è quella di esprimere la loro rabbia con strumenti democratici, altrimenti non si spiega il perchè dx e sx si avvicendino al governo.
Quel che è marcio è il sistema.
Quello che è marcio sono le corporazioni, le lobby, gli estremismi.
Sono sempre loro che hanno abbracciato e sostenuto "mani pulite", manifestato e pianto per Dalla Chiesa, Bassolino e Falcone.
Hanno paura dei cambiamenti traumatici solo perchè la storia gli ha insegnato a diffidare dai rivoluzionari.
Esiste invece una razza trasversale, quella degli opportunisti, dei leccaculo e degli ipocriti e, a parere mio, sono diffusi ovunque.

By Mat

Comicomix ha detto...

Non sono un grillo fan.
ma gli atteggiamenti e le azioni (meglio, non azioni) della classe politica mi fanno arrabbiare. Moltissimo
Un sorriso passante
Mister X di COmicomix

camelot destra ideale ha detto...

Forse ti sfugge un dettaglio: i politici in Parlamento, rappresentano i cittadini. Ma non solo perchè quest'ultimi li hanno votati, ma perchè sono eguali a loro. Tu decidi chi votare, e chi voti è eguale a te.
Non a caso Grillo è uno di quelli che si scagliava contro i condoni sul suo blog, e infatti ha aderito a due condoni (essendo un evasore fiscale).
Come al solito l'italiano medio è il bue che dà del cornuto all'asino, in pubblico piange, mentre in privato fotte ;)

Francesco Candeliere ha detto...

X ANONIMO(Mat):Che la classemedia sia da sempre il motore del nostro paese questo è indiscutibile.Certo che il fatto che la classe media sia narcotizzata dall'informazione al servizio della politica, questo è innegabile.Proprio mentre scrivo questo commento do un'"ascoltata" a Porta a Porta,Mastella il simbolo della politica che non va, difende ancora l'indulto.Pensa, che la vittima di turno è diventato lui bersagliato(poverino) da tutti!!!Più trasmissioni e discussioni politihe seguo più mi rendo conto di quanto ci prendono per il(bip)tutti i giorni e che l'azzeramento è inevitabile!!

Lapsus comprensibile:Borsellino,Bassolino è sempre più impegnato a fare affari con la camorra sulla questione rifiuti!!!

Francesco Candeliere ha detto...

X Comicomix:In due righe hai afferrato quello che ho voluto dire nel post.Infatti non serve essere un fan di Grillo ma solo capire che Grillo è la spia del male e non il male come qualcuno lo vuole fare apparire.Dobbiamo capire che questa classe politica ogni giorno ci prende in giro e che è formata da un alto numero di parassiti che non arrecano nessun bene al paese.Grazie di essere passato.

Francesco Candeliere ha detto...

X Camelot:Proprio perchè i cittadini danno un mandato ai parlamentari questi lo devono rispettare.Altrimenti i cittadini,come tutti i contratti,se non rispettati,possono risolverlo.Ti prego,almeno tu non scendere a certi livelli di alcuni sinostroidi esasperati.Qui il discorso non è Grillo e il suo passato,presente e futuro.Qui il problema è che le cose dette dalla gente,quei quattro scalzacani eletti appunto dai cittadini,non le ascoltano più.Se poi vogliamo andare a vedere in certe parti del paese perchè certa gente viene votata!!!!Allora ti prego non difendere questo sistema,fai una critica oggettiva e renditi conto che questa classe politica va assolutamente azzerata senza distinzione di colori!!Ripartiamo da zero e poi ragioniamo su programmi di destra e di sinistra...

Anonimo ha detto...

Se i politici rappresentano i cittadini, allora siamo tutti cittadini.
Se i politici sono disonesti o incapaci, allora siano tutti disonesti e incapaci.
Peccato che non conosco un'altra forma di democrazia o che la legge attuale non mi consente di votare per XY, perchè conosco XY e mi fido di XY.
Per votare non è richiesta la conoscenza diretta del candidato, che peccato.
Potremmo varare, se fosse possibile, una legge che elegge primo ministro con pieni poteri solo colui che estrae la spada dalla roccia....., ma sono confuso e non trovo mago merlino ad aiutarmi.
Allora Camelot dammi una dritta!

by Mat

Giorgia ha detto...

Ciao Francesco,
grazie per l'invito e per il tuo articolo. Condivido a pieno ciò che hai scritto. L'effetto Grillo è in realtà l'effetto che la Lega Nord ebbe oltre 10 anni fa... un effetto di dissenso da parte dei cittadini su ciò che fa chi sta al governo. I nostri politici dovrebbe chiedersi come mai la gente ne ha così piene le scatole e invece stanno lì a farsi venire la "Grillofobia" come l'ho chiamata io in questo articolo

http://giorgiasoresina.it/blog/?p=110

che ti invito a leggere.
Complimenti per il blog, l'ho inserito tra i miei link ;)

Anonimo ha detto...

Ti faccio una domanda.
Perchè quando parlano i cittadini (Grillo è un cittadino) succede un casino e, invece, quando parlano i politici (e si incazzano pure) non succede NIENTE.
Mi rispondo da solo! Fanno solo parole perchè non sono abituati ad avere i cittadini come interlocutori, ai quali dovrebbero rispondere con i fatti. E' il loro mestiere. Cosa vuoi che dica uno che dopo due anni e mezzo nei quali non ha fatto niente (solo parole e a volte neanche quelle) va in pensione con 3.000 € al mese (TREMILAEUROALMESE).
Enzo.

Francesco Candeliere ha detto...

X anonimo(mat):concordo pienamente, per il resto lascio il diritto di replica a Camelot.
Ma più che altro volevo farti una domanda:Cosa ne pensi di questo pasticcio di legge elettorale ?non ti pare che i partiti sempre più corrotti decidono sempre più i nomi dei candidati che poi il popolo se li trova piazzati nelle varie liste elettorali dovendoli votare per forza?(a menocchè non si astiene)....

Francesco Candeliere ha detto...

Giorgia, in due righe hai colto in pieno il senso del mio articolo.
Certo la politica è preoccupata del fenomeno Grillo perchè teme la reazione della gente ai loro soprusi.La cosa che mi fa più rabbia è quando si commenta Grillo e non la politica.Grillo è solo uno strumento per gridare a squarciagola che non ne possiamo più e che se ne devono andare tutti a casa...A me poco importa che qualche anno fa spaccava i compiuter o che è un'evasore( o presunto tale...)
Ti ringrazio per il commento,a presto.

Francesco Candeliere ha detto...

X anonimo(enzo):Ma no.....!!! in fondo come dice il nostro caro Ministro della Giustizia percepiscono poco ogni mese,quindi è giusto che almeno la pensione sia alta.D'altra parte devono mantenere, anche da poveri vecchi, il loro attuale tenore di vita....!!!
mi vergogno di essere italiano!!!
Grazia Enzo.
Spero non mi censuri come voleva fare con il blog: Mastella ti odio.

chit ha detto...

Ciao Francesco.
Grillo? Ti confesso che lo ero giùà al tempo di Berlusconi e lo resto con lui; diffido di chi cavalca onde d'insoddisfazione popolare senza prendere una posizione precisa. Se è solo per far casino, mi pare che ce ne sia già troppa in Italia, che ne pensi? ;-)

Francesco Candeliere ha detto...

Ciao chit:Aldilà delle nostre considerazioni su Grillo che possono essere positive o negative, quello che deve restare l'obiettivo ,secondo me, è l'azzeramento dell'attuale classe politica.Se la gente,esasperata dai teatrini dei politici, arriva a proporre un comico come candidato alle politiche(io non sono tra quelli)non ti preoccupa ancor più????

Anonimo ha detto...

L'attuale legge elettorale? Un vero arbitrio dei politici. Comunque la vogliono cambiare e la cambieranno.
A prescindere dall'etica costituzionale violata dall'attuale legge (ma chi la promulgata?), io penso che ci voglia una legge che impedisca ricatti e veti incrociati quando le linee seguite nascono da un programma concordato.
Bisognerebbe , inoltre,abolire il senato e istituire un collegio rappresentativo delle regioni che dovrebbe riunirsi solo per leggi speciali (impiego forze armate estero, cambiamenti costituzionali, elezioni capo dello stato, ecc.)
Indagare e, nel caso fosse riconosciuto colpevole, estromettere dai pubblici uffici chiunque cambi "bandiera" in cambio di favori materiali e politici.

In fede mia, vorrei fare altro ai venduti ed ai ricattatori, ma, dicono, che questo è uno stato di diritto (?).
Aspettando Grillo

by Mat

Francesco Candeliere ha detto...

Per il momento almeno cambiassero in meglio questa "porcata",(ti ricordi Mat chi lo disse?)
Quanto a cambiamenti costituzionali sicuramente farei delle riforme che andrebbero verso un ridimensionamento del parlamentarismo esagerato ed esasperato che abbiamo.Procedimenti come la c.d.navetta parlamentare sono degli assurdi tipici del nostro sistema che non possiamo permetterci più nell'approvare una legge.Un sistema alla francese probabilmente potrebbe essere un'idea.Ma sai quando si tratta di concentrare più poteri nelle mani di una persona si urla all'attentato alla democrazia quindi al fascismo!!!!

Anonimo ha detto...

Certo Francesco (a proposito: Auguri!), si grida all'attentato alla democrazia e al fascismo, ma no perchè ci credano, no, sappiamo e sanno che in Europa non vi sono più le condizioni per l'avvento di un dittatore, gridono solo per salvaguardare i loro interessi perseguiti attraverso ricatti e veti incrociati.
Questa è la verità.

by Mat

Francesco Candeliere ha detto...

Grazie...
La paura di didecidere cose che potrebbero intaccare certi poteri è da anni ormai che la fa da padrona nel nostro paese anche a livello locale.Non vivo più in Calabria da anni ma credimi, lì si vedono accordi trasversali fatti solo allo scopo di salvare(o salvaguardare)i propri interessi particolari.Da anni i politici non fanno altro che fingere di accusarsi a vicenda quando in realtà la maggior parte ha rapporti diretti con la 'ndrangheta.Stanno divorando una regione con i loro sporchi giochi, imponendo una mentalità mafiosa alla gente che non può fare altro che obbedire senza condizione.("o mi dai il voto o non mangi...., o...non ti "sistemo" il figlio,non ti faccio prendere l'appalto etc.etc.").
In queste condizioni, caro Mat, si può credere ancora nella politica??
E ancora:Si può litigare fra noi, se appoggiare questa o quella parte politica, se poi in realtà qualsiasi parte si appoggia si vede vuoto e corruzione? (oltre che lontananza della politica dai veri problemi che la gente ha tutti i giorni?)
Io questa la pongo a te ma la pongo soprattutto a chi ogni giorno difende questa o quella parte politica facendo finta di nulla;sostenendo che c'è una parte buona e una cattiva, senza rendersi conto,pur di dar ragione alla propria parte, che la politica oggi nel nostro paese è tutta corrotta e va "azzerata".

Anonimo ha detto...

Che cavolo di problema, eppure qualche uomo e qualche donna della politica bisogna salvare.
Sono orientato, ma è solo un mui parere, su Di Pietro, non è un santo e neanche un ipocrita imbroglione e si vede da come ha trattato autostrade.
Forse Bindi.
Se poi scende nell'arena Grillo tanto meglio.

Non ho altre idee.

Un saluto - by Mat

Francesco Candeliere ha detto...

Vedi Mat un tempo avrei salvato Fini ma questo incondizionato legame a Berlusconi mi rende furioso nei suoi confronti.Forse se si rendesse conto che AN è un partito di destra forse!!.....
Di Pietro direi, è uno dei pochi onesti lì in mezzo,ma in mezzo a quella "marmaglia" è poco politico:purtroppo temo che ha vita breve(politicamente parlando).La Bindi non mi piace.
Su Grillo politico ho le mie riserve e poi ne abbiamo tanti comici in parlamento....Che ti devo dire Mat,faccio fatica a trovare gente interessata al benessere del paese tra questi cialtroni...

Anonimo ha detto...

Appunto è difficile scegliere. Ecco la missione di Grillo: azzerare la classe politica, come tu auspichi.
Fini stà in politica da tutta una vita, già delfino di Alnirante ed eletto segretario con la benedizione della vedova.
Era una speranza....... era!
Chissà, forse del buono c'è ancora, ma dovrebbe prendere il 51% di voti.....no, neanche questo, dovrebbero cambiare anche i suoi proconsoli....impossibile.
by Mat

Francesco Candeliere ha detto...

Forse con un sistema alla francese o addirittura all'americana qualche personalità politica potrebbe emergere alla guida del paese.Scusa Mat ma stavo sognando...!
Intanto azzeriamo,come dice Sartori,dopo con più pulizia probabilmente qualche programma si potrà fare e si vedrà...!

Andros ha detto...

La verità è che la gente non ne può più della politica italiana, tutti promettono e nessuno mantiene. Frase scontata, lo so, ma pragmatica. Grillo ha solo saputo dosare gli affondi giusti per accattivarsi la simpatia degli scontenti.

Tra politica e antipolitica ci siamo noi. Noi che tramite i nostri blog diamo rilevanza ad alcuni argomenti a scapito di altri. Noi che non abbiamo un padrone come i giornalisti, noi che siamo effettivamente liberi di pensare ed affermare ciò che vogliamo.

E' tempo di collaborare!!!

Ah, dimenticavo! Bello il tuo blog. Visita il mio e se ti va linkami. Io lo farò subito.

http://gerbania.blogspot.com/

Francesco Candeliere ha detto...

Ciao Andros grazie per l'invito provvederò al più presto a mettere nei miei link preferiti il tuo interessante blog.
Che dire? Come dici tu è tempo di collaborare di metterci insieme e gridare un grosso no alle cose che non vanno e che questa attuale classe politica contribuisce a peggiorare.
Facciamogli capire che devono andare tutti a casa e tramite la rete che, come dici tu,non è come i giornali ma è libera,diffondiamo l'idea che l'azzeramento è d'obbligo se vogliamo ripartire in fretta e concorrere con i grandi paesi del mondo.
Un saluto

Giorgia ha detto...

Azzerare la politica credo che sia abbastanza "pericoloso" per la democrazia, è pur vero che se nessuno porta dei risultati concreti per risollevare il paese è difficile credere ancora nella politica. Forse bisognerebbe tornare a non avere il bipolarismo, senza queste grandi coalizioni, per vedere se qualcuno si salva anche se la vedo difficile ;)

Francesco Candeliere ha detto...

Beh,certo azzerare questa classe politica non significa azzerare le istituzioni su cui la democrazia si regge(partiti,parlamento ecc.).Il senso è quello di azzerare gli attuali uomini politici dei quali difficilmente se ne può salvare qualcuno.Solo con persone nuove(giovani)che non hanno niente a che fare col passato si può sperare in qualcosa di meglio.La lezione francese ci dovrebbe spiegare qualcosa.
A presto Giorgia.

edgar ha detto...

Stai notando Francesco? Come molti politici (Presidente della Repubblica compreso) usano spesso frasi del tipo: "Con questo risultato possiamo dimostrare che i cittadini non vogliono affatto fare antipolitica" ecc. ecc.
Sottolineano spesso questo concetto per controbbattere pubblicamente, ma astutamente (senza nominarlo), Beppe Grillo e i risultati del V-Day.
Bè, almeno noi, quattro gatti, ci siamo resi conto che loro, i potenti, hanno temuto il V-Day.
Quindi io ci sarò nuovamente.
Occorre essere attenti e non farsi smembrare.
Ciao.

Francesco Candeliere ha detto...

X Edgar:Concordo assolutamente ottima osservazione.La politica a modo suo sta mettendo ai margini il fenomeno Grillo e dell'antipolitica.
Tutto ciò con l'aiuto chiaro e vergognoso della stampa e della televisione.Spero che le nostre voci in rete facciano capire che la presa in giro continua e che le prime "vittime" di questo (terrorismo parlamentare) siamo noi cittadini onesti.