martedì 11 settembre 2007

11 Settembre

Aldilà delle nostre idee politiche e aldilà di ogni giudizio sulle recenti politiche americane, vorrei ricordare che l'11 settembre 2001 furono spezzate le vite di 2986 persone innocenti.



Come al solito e come in ogni guerra sono sempre gli innocenti a pagare le logiche del potere!!!

6 commenti:

edgar ha detto...

Ma perchè non si parla più di queste vittime e non si vedono più in tv, per esempio, i loro parenti?
Come pure non se ne sa più niente dei gerarchi irakeni catturati dagli U.S.A. Dove sono il re di cuori? Dov'è quello di Picche? E tutti gli altri individui spettacolarmente mostrati all'interno di una carta da gioco?
Vedi Francesco, noi anti-politiche U.S.A. e anti-politiche liberiste, siamo così risentiti che facciamo quasi fatica a "piangere" i morti di una nazione che, riteniamo responsabile di tanti e tanti altri morti (compresi quelli di Hiroshima).
Certo comunque, pace alle loro anime.

Francesco Candeliere ha detto...

"L'intero sistema del lavoro forzato nella Russia sovietica - in tutti i suoi stadi: interrogatori,udienze,carcere preliminare e infine il campo - è inteso principalmente non a punire il colpevole,ma piuttosto a sfruttarlo economicamente e trasformarlo psicologicamente.La tortura non viene usata negli interrogatori in base ad un principio,ma come strumento ausiliario.Lo scopo reale di un'udienza non è di estorcere al prigioniero la firma ad un'accusa fittizia,ma la disintegrazione completa della sua personalità individuale."(GUSTAV HERLING,UN MONDO A PARTE).

Vedi io non faccio fatica a piangere i milioni di vittime del comunismo, che per colpa di menti malate, che volevano applicare il "socialismo reale", hanno prodotto violenza,schiavitù e morte.

E vedi caro Edgar ,io vorrei che persone intelligenti come te,si scrollassero di dosso le etichette e discutessero questi gravi fatti della storia con tutta l'energia con cui oggi,a volte giustamente,condannate le politiche americane.A presto

edgar ha detto...

Hai ragione sulle "etichette". Proprio in questi giorni stavo pensando a qualcosa in merito... mi hai anticipato.
Magari ne farò un post di là.
Comunque io e la Russia non abbiamo niente in comune (non per contraddirti su qualcosa, ma solo per "presentarmi").
Lo stesso vale per le politiche eccessivamente "libertine" e "indultine" della sinistra radicale (che comunque ha altri meriti).
Peggio che andar di notte per quanto riguarda il centro sinistra, che sconfitto su tutti i fronti dal centro destra (anche a livello morale) rimane a galla solo grazie ai suoi clientelismi (in generale: sindacati, pensionati, operai, insegnanti, ecc.).
Scusa la lungaggine fuori tema.
A presto.

Dimenticavo: della Russia mi piacciono i suoi scrittori, come per esempio Nicolaj Gogol.

Francesco Candeliere ha detto...

Mi fa piacere della Russia,ci mancherebbe!!!
Quanto alla politica sono del partito "tutti a casa",Grillo ha ragione su tutto!!!Solleviamoci.A presto Edgar

Anonimo ha detto...

dovè finito il mio commento??

Francesco Candeliere ha detto...

X anonimo:Quando lo hai fatto? Assolutamente non l'ho ricevuto.Se vuoi rifallo te lo pubblico subito!!!
Aspetto.